Canada, la Renault e quel team radio forse vietato di Hamilton

Sezione Motori

Canada, la Renault e quel team radio forse vietato di Hamilton

Quello del Canada verrà ricordato come uno dei week end di Formula 1 più ricchi di polemiche, Oltre alla questione della penalità inflitta a Sebastian Vettel, la Mercedes era stata messa sotto investigazione – e poi assolta – per aver violato il parco chiuso. Adesso è emerso un nuovo retroscena che riguarda un comportamento teoricamente vietato di Lewis Hamilton.

Al momento di partire per il giro di formazione, il pilota inglese ha esitato alcuni istanti. Subito dopo Lewis ha chiamato il box dicendo di verificare il sistema anti stallo. La risposta del team è stata rapida: nessun problema sul sistema in questione. La partenza della W10 numero 44 è stata infatti perfetta.

In teoria, però, il regolamento vieta in questi frangenti agli ingegneri di dare informazioni ai piloti sullo stato tecnico dell’auto. Un episodio degno di penalità? forse no, perché l’ingegnere di Hamilton non ha dato indicazioni su come agire per risolvere il problema, ma ha solo comunicato che era tutto a posto.

A segnalare questo fatto è stato un team avversario, la Renault. In particolare nella persona di Alan Permane, direttore delle operazioni del team anglo francese. La comunicazione è stata annotata da Permane che però poi non ha chiesto approfondimenti alla FIA.

Leggi anche
Mercedes indagata per aver violato il parco chiuso a Montreal
Rosberg “Vettel, invece di lamentarsi della penalità, doveva distaccare Lewis”
Ricciardo: “Hamilton con me fece lo stesso. E non fu penalizzato”
Mansell, Andretti e Hill difendono Vettel: “Imbarazzante”

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*