La pista di Albert Park non permette alla SF90 di esprimersi al massimo. Ma sappiamo dove migliorare

Sezione Motori

La pista di Albert Park non permette alla SF90 di esprimersi al massimo. Ma sappiamo dove migliorare

Dopo una qualifica tutt’altro che convincente da parte delle due Ferrari, con un mesto terzo e quinto posto l’umore degli uomini del Cavallino non è proprio alle stelle. In primis quello dell’uomo al vertice , Mattia Binotto, che cerca di spiegare la situazione ai microfoni dei media

“Non possiamo dire che questo sia il risultato che ci attendevamo, ma siamo altresì consapevoli che Albert Park non è la nostra pista ideale per una serie di caratteristiche che non ci permettono di esprimerci al meglio. Dobbiamo ovviamente migliorarci ma abbiamo raccolto una gran quantità di informazioni per identificare le aree sulle quali lavorare”.
Seb ha dimostrato come sempre di saper sfruttare ogni centimetro di pista e Charles ha superato egregiamente la sua prima vera prova, che qualche piccola sbavatura non intacca. Abbiamo davanti a noi altre 20 qualifiche e 21 gare, la partita è lunga e siamo pronti a giocarla”.

Resta solo che aspettare domani mattina, quando inizierà la gara alle ore 6:00 italiane. Vedremo se Ferrari riuscirà in una rimonta come l’anno scorso

Please follow and like us:
error0