Maserati Zeda, ecco il canto del cigno della GranTurismo

Maserati Zeda, ecco il canto del cigno della GranTurismo

Lanciata nel 2007 per sostituire la GranSport, la Maserati GranTurismo è ad oggi una delle vetture più apprezzate del Tridente. Prodotta per 12 anni in oltre 40.000 esemplari complessivi (di cui 28.805 coupè e 11.715 GranCabrio) ora si avvia verso l’uscita di scena. Un addio inevitabile dopo una così lunga carriera, che lascia però l’amaro in bocca agli appassionati.

Nonostante sia sul mercato da oltre un decennio, la Maserati GT ha retto perfettamente il peso degli anni. Specie dal punto di vista estetico, grazie alla sua linea elegante e senza tempo che porta la firma di Pininfarina. Meccanicamente, la vettura è stata aggiornata con puntualità, ma ormai è inevitabile che abbia perso terreno rispetto alla concorrenza.

Dotata al debutto del V8 4.2 da 405 cavalli, la GranTurismo era stata presto aggiornata con l’introduzione della specifica da 4,7 litri e 440 cavalli (sulla versione S) poi 450 (con la MC Stradale) e infine 460 (con la versione Sport). Nella sua versione top MC Stradale, la GT raggiunge i 302 km/h e copre lo 0-100 in 4,2 secondi.

Ora l’addio, che per Maserati è una necessità: l’erede della GranTurismo, stando al piano industriale appena presentato, è prevista solo nel 2021. Ma o stop alla produzione della GT è indispensabile per ammodernare lo stabilimento di Modena in cui l’anno prossimo nascerà la nuova supercar a motore centrale.

La mitica GranTurismo dice addio al mercato con una versione speciale, la Maserati Zeda. Inconfondibile per la sua tinta policroma, che cambia dal muso alla coda della vettura per dare senso di velocità e movimento anche da ferma.

Leggi anche
Alfa Romeo al lavoro sui restyling di Giulia e Stelvio [foto spia]
La Jeep Compass sbarca a Melfi: da qui tutta la produzione europea
Mercedes, la nuova C63 AMG avrà 4 cilindri?

Lorenzo Lucidi