Rai, un cordiale saluto alla F1. La TV pubblica dice addio ai gran premi

Sezione Motori

Rai, un cordiale saluto alla F1. La TV pubblica dice addio ai gran premi

Nessuno, ormai, si aspettava che la Rai potesse – e volesse – fare qualcosa per mantenere i gran premi di Formula 1 sui propri canali. E così è stato. Liberty Media e Radiotelevisione italiana non hanno raggiunto un accordo economico (con entrambe le parti partite prevenute l’una nei confronti dell’altra). Il risultato è che la Rai non trasmetterà più il Mondiale di F1, a parte il GP d’Italia a settembre. Una gara sulle 21 previste nella prossima stagione.

La F1 migrerà definitivamente su Sky, con le repliche in chiaro (e qualche diretta) su TV8, il canale gratuito della pay tv. Le gare trasmesse in diretta potrebbero essere 4, con 17 differite. Ma non c’è ancora nessuna certezza circa i modi e i tempi con cui i GP verranno trasmessi. Probabilmente verrà mutuato il modello della MotoGP che ormai da alcuni anni è in vigore con le differite su TV8 e alcune dirette.

La vera sconfitta la incassa la Rai, che perde la Formula 1 poco dopo essersi fatta sfuggire i Mondiali di Calcio e la Formula E. Quanto alla squadra tecnica di Rai Sport, è possibile che Mazzoni e altri componenti del team di commento possano trasferirsi in toto a TV8, che avrebbe servizi dedicati rispetto a quelli di Sky.

Lorenzo Lucidi

Please follow and like us:
0