Toto Wolff “Steward sono molto professionali, non mi piacciono i buu che ho sentito”

Sezione Motori

Toto Wolff “Steward sono molto professionali, non mi piacciono i buu che ho sentito”

Toto Wolff: “È bella da vedere l’emozione del pubblico. Ho sentito parole in italiano che non si possono ripetere. Questa situazione è difficile. C’è una regola che dice che si deve lasciare una macchina di spazio,ma anche noi vogliamo vedere gare dure. Per questo non c’è una ragione al 100% da una parte. Per la Mercedes al 60% la regola è così e la penalizzazione va bene. Se io sono un tifoso italiano e della Ferrari lo vedi in maniera opposta. C’è molta discussione,come nel calcio. Capisco la frustrazione di Sebastian.ha vinto la gara in pista e l’ha persa con una penalità. Così è la vita. Ci sono decisioni a tuo favore e contrarie. Anche a me piace la lotta. Ma allora dobbiamo cambiare le regole,dicendo che si possono toccare,che non è necessario lasciare spazio per un’altra macchina se si va fuori pista. Io sono d’accordo per avere regole così,ma allora cambiamole. Per la situazione Ricciardo-Bottas volendo si può dare la penalità perché si è mosso due volte. Su Sebastian sono d’accordo che vogliamo vedere racing duro,ma c’è una regola. È molto difficile per gli steward interpretare questa regola in un modo che piace a tutti. Oggi c’è una situazione che non piace ai ferraristi ed è ok per quelli della Mercedes. La prossima volta sarà diversa. Per prima cosa non mi piace chi fa i ‘buu’. Ne abbiamo visti molti anche contro Seb in passato e questo non mi piace. È una situazione di gara,non ci sono prigionieri. Le regole sono molto difficili da interpretare. Oggi abbiamo gli steward più professionali possibili,sono persone con molta esperienza,con successi enormi nel motorsport. È chiaro che è una situazione molto emozionale”

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*