Verstappen: “Tanta politica in F1. Vorrei regolamenti stabili per 10 anni”

Verstappen: “Tanta politica in F1. Vorrei regolamenti stabili per 10 anni”

Max Verstappen parla dei regolamenti della Formula 1. Lo fa in maniera decisamente più diplomatica del suo capo Helmut Marko, ma il pilota Red Bull è comunque molto critico. Secondo l’olandese, infatti, il continuo cambio di regole non permette ai team di avvicinare le proprie prestazioni. Cosa che, sostiene Verstappen, necessiterebbe di stabilità.

Realizziamo tempi record ovunque ma non penso sia tutto qui. Se vuoi solo correre sempre più veloce potresti mettere un robot in macchina – ha spiegato Max – C’è così tanta politica, dovrebbe esserci una sola persona, della FIA o della FOM, che dica: sarà così. Sarebbe positivo se i regolamenti restassero gli stessi per molto tempo. A un certo punti devi dire: questi sono i regolamenti e li avremo per 10 anni. Le prestazioni si avvicineranno davvero dopo 5 o 6 anni“.

Verstappen ha poi criticato le nuove monoposto 2019. Che nelle intenzioni avrebbero dovuto facilitare i sorpassi, ma nella realtà si sono rivelate inefficaci da questo punto di vista. “Spero che facciano qualcosa, come piloti non possiamo spingere se siamo dietro qualcuno, perché le gomme si surriscaldano. Ed è difficile seguire altre macchine perché perdi carico aerodinamico. Sono queste le cose più importanti alle quali devono lavorare per migliorare il divertimento per il pubblico.

Sono state sempre decisioni politiche, decidono i grandi capi. Noi a volte proviamo a indicare quel che vorremmo, alcuni anni fa trovavamo le macchine troppo lente e con poco grip, poi siamo arrivati a queste macchine larghe, con più carico. Ma poteva seguirsi una via diverso, che non facesse perdere così tanto tempo quando sei dietro un’altra macchina”.

Leggi anche
Haas, Steiner: “Le gomme Pirelli? Come il Kinder Sorpresa!”
Red Bull, Marko: “Nuove regole sempre positive per Mercedes”
Vettel: “Sul podio solo per rispetto verso Lewis e Charles”
GP Canada, Pirro: “Decisione non facile. Le corse sono cambiate”

Please follow and like us:
error0

Lorenzo Lucidi